FUTEBOL URUGUAYO:

'' É uma religião nacional. A única que não tem ateu. Somos poucos: 3,5 milhões de uruguayos. É menos gente do que um bairro de São Paulo. É um país minúsculo. Mas todos futebolizados. Temos um dever de gratidão com o futebol. O Uruguay foi colocado no mapa mundial a partir do bicampeonato olímpico de 1924 e 1928, pelo futebol. Ninguém nos conhecia.

O futebol uruguayo é o melhor? Não. No mundo guiado pelas leis do lucro, onde o melhor é quem ganha mais, eu quero ser o pior. Não poderíamos sequer cometer o desagradável pecado da arrogância. Seria ridículo para um país pequeno como o nosso. Não somos importantes, o que é bom. Neste mundo de compra e venda, se você é muito importante vira mercadoria. Está bom assim.

Como explicar Uruguay?.... Somos um pouco inexplicáveis. Aí é que está a graça".

EDUARDO GALEANO - Escritor

terça-feira

CALCIATORE URUGUAIANO LUCAS TORREIRA



Lucas Sebastián Torreira Di Pascua, noto semplicemente come Lucas Torreira (Fray Bentos11 febbraio1996), è un calciatore uruguaianocentrocampista della Sampdoria.

Marco Fanuli sul il Fatto Quotidiano lo descrive così: "Piccolo di statura ma tosto di natura, nasce come seconda punta, ma col tempo arretra il proprio raggio d’azione (con il supporto tecnico-tattico pescarese) diventando un mediano interditore davanti alla linea difensiva, un recupera-palloni dal moto perpetuo, un atleta di sicuro affidamento. Grazie inoltre alle sue doti tecniche e a un destro “educato”, riesce ad unire il lavoro sporco da incontrista ai compiti più sottili di regia. Spesso la manovra offensiva riparte proprio dai suoi piedi rivelando, in queste occasioni, grande personalità e un temperamento da professionista".
Per caratteristiche può essere avvicinato a Lucas Biglia, giocatore a cui lo stesso Torreira dichiara di ispirarsi, oltre a David Pizarro e Walter Gargano.

Dopo essersi formato nella Institución Atlética 18 de Julio (accademia calcistica della sua città natale) a 17 anni, su consiglio di un amico, partecipa ad un provino per il Montevideo Wanderers, club della prima divisione uruguaiana; il test va a buon fine ed il ragazzo entra a far parte del club il 15 febbraio 2013. Nel dicembre 2013 dopo essere stato visionato per circa un anno da Roberto Druda viene portato in Italia, a Pescara insieme ad altri 4 giovani uruguaiani. Lucas è l'unico che ottiene la fiducia del club abruzzese che decide di tesserarlo.
Dopo aver giocato per un anno e mezzo nella formazione Primavera (nella quale disputa 28 partite con 4 gol) il 16 maggio 2015 esordisce in Serie B giocando dal primo minuto la partita persa 2-1 contro il Varese, nella quale viene schierato dal mister Marco Baroni come trequartista.
Il turno successivo invece il neo allenatore Massimo Oddo, che lo aveva allenato per tutta la stagione in Primavera, lo riporta a centrocampo in cabina di regia nella partita vinta 3-0 contro il Livorno. Gioca altre 3 partite da titolare nei play-off promozione tra cui la finale di ritorno conclusasi in pareggio che ha sancito il ritorno in Serie A del Bologna a discapito dei Delfini.
Il 1º luglio 2015 viene acquistato a titolo definitivo dalla Sampdoria che decide di lasciarlo ancora per una stagione in prestito al Pescara. Il 9 agosto 2015 realizza la sua prima rete da professionista nella partita di Coppa Italia vinta 2-0 contro il Südtirol-Alto Adige. Durante la Serie B 2015-2016 realizza 4 reti. A fine stagione il Pescara vince i play-off contro il Trapani ed ottiene la promozione in Serie A.

Sampdoria

Nell'estate del 2016 si trasferisce, per fine prestito, alla Sampdoria decidendo di conservare il suo numero di maglia 34. Debutta in blucerchiato il 14 agosto giocando da titolare la gara di Coppa Italia vinta 3-0 contro il Bassano Virtus. L'esordio in Serie A arriva il 21 agosto nella vittoria in trasferta 1-0 contro l'Empoli.
Il 29 ottobre 2017 realizza i suoi primi gol nella massima serie italiana, siglando una doppietta nel 4-1 contro il Chievo.

Nazionale

Nel 2013 è stato inserito nella lista dei preconvocati dell'Uruguay Under-17 per il Mondiale di categoria ed ha preso parte a due amichevoli di preparazione disputatesi in Giappone.


Torreira y una marca de lujo en Europa


El uruguayo Lucas Torreira es, cumplidas las primeras 20 fechas de la temporada italiana, el jugador que más recuperaciones tiene en todo el torneo. Otra marca del crack uruguayo.
Lucas Torreira sigue sumando éxitos en Europa y ahora, tras la disputa de 20 jornadas de la Liga de Italia, el fraybentino es el futbolista que más veces recuperó el balón.
El uruguayo tiene un total de 113 pelotas recuperadas en lo que va de la temporada en la Serie “A” TIM y el jugador que lo sigue es Milan Škriniar, el eslovaco que jugó en Sampdoria y ahora defiende al Inter de Milán.
El tercer lugar de la lista de jugadores con más balones recuperados en la Liga de Italia es para Davide Astori, el volante de la Fiorentina que suma 92 al igual que Kalidou Koulibaly, el franco-senegalés que defiende al Nápoli.
El fraybentino se sigue destacando en el fútbol italiano con sus grandes actuaciones que se respaldan también en las estadísticas de un jugador que está en la mira de los clubes más importantes de Europa.
Ver imagen en Twitter